LA CURA ZAIDI-KEPLER: SCOPRIAMO INSIEME I SEGRETI DEL SUCCESSO DEI SAN FRANCISCO GIANTS

A inizio stagione nessuno avrebbe scommesso sulla franchigia californiana che, dopo 4 anni di assenza, ritorna da protagonista ai Play Off.

Scritto da Mirco Monda  | 
Il saluto tra Doval e Posey (da San Francisco Giants Official Twitter Account)

Dal 2016 ad oggi i San Francisco Giants, hanno mancato l’accesso alla Post Season per 4 stagioni consecutive, chiudendo con record stagionali sempre inferiori al 50% di vittorie. Quest’anno, invece, sono stati la sorpresa del 2021 con l’accesso ai Play Off (già ottenuto) e la bagarre per il primo posto della National League West contro i ben più quotati Los Angeles Dodgers per l'accesso diretto alle Division Series.

Ad inizio stagione nessuno avrebbe scommesso che la squadra della Baia potesse essere, ai primi di ottobre, in testa alla Major League Baseball come numero di vittorie. Dietro a questa impresa sportiva, in attesa di capire come si comporterà la squadra durante la Post Season, vi è Farhan Zaidi

Il nativo di Sudbury (Canada), Presidente delle Operazioni Baseball dei Giants, è colui che ha avuto l’intuizione di affidare, lo scorso anno, la squadra al giovane manager Gabe Kapler, nonostante fosse reduce da 2 stagioni negative, in termini di risultati, ai Philadelphia Phillies

Gli intenti di Zaidi erano quelli di: ringiovanire il roster di San Francisco, abbassare il monte ingaggi (attualmente al 10° posto tra tutte le squadre del campionato)  e ripartire da uno staff tecnico giovane e al passo con i tempi, prendendo spunto dal famoso libro/film ‘’Moneyball’’ che narra delle gesta degli Oakland Athletics del 2003. 

Lo stesso libro è stata la fonte di ispirazione per Farhan ai tempi dell’università che lo ha poi fatto approdare, nel 2011, agli Athletics prima di passare ai Dodgers nel 2014. 

Come nel celebre film, anche ‘’nell’altra sponda della baia’’, vi è stato lo scontro mediatico tra le operazioni della società ed i propri tifosi. 

Zaidi ha deciso di puntare sul giovane manager ex Phillies e di affiancargli altri coach giovani, talmente giovani (Justin Viele, 29 anni) e sconosciuti che ben 9 su 12 non hanno mai giocato in MLB. Tra questi 12 allenatori, inoltre, vi è Alyssa Nakken, la prima allenatrice donna a tempo pieno della Major League (leggi QUI il nostro approfondimento).

Alla società viene criticata la giovane età dello staff tecnico e la poca esperienza in Major, due fattori che venivano considerati dogmi insormontabili e sinonimi di fallimento certo, prima di oggi.

Grazie, invece, alla lungimiranza di Zaidi, i San Francisco Giants sono ora primi nella MLB sopprattutto grazie alla gestione del roster da parte del proprio staff tecnico capace di modificare, quasi ogni sera, la formazione in campo, in base agli avversari e capaci di portare alla ribalta giovani prospetti come Lamonte Wade Jr o di rispolverare atleti più navigati come Brandon Crawford (in lizza per il premio di MVP della National League). 

La ‘’cura’’ Zaidi-Kepler non solo ha riportato i Giants in vetta alla Major League in sole 2 annate, ma ha riportato San Francisco a primeggiare anche nella classifica delle squadre con il maggior numero di fuoricampo realizzati nella National League, statistica che non vedeva la franchigia californiana primeggiare dagli anni di Barry Bonds. Si tratta di un risultato niente male, vista la nomea dell’Oracle Park di essere uno stadio a vantaggio dei lanciatori per il basso numero di fuoricampo realizzati.

La stagione regolare sta volgendo al termine, dopodiché inizieranno i Play Off per l’accesso alle World Series 2021. 

I Giants non sembrano essere attrezzati per poter arrivare fino in fondo ma, in fin dei conti, non lo erano nemmeno per arrivare primi nella National League. Chi sa se la cura Zaidi - Kepler funzionerà anche per la Post Season. 

di Mirco Monda ([email protected])
 

Nella foto, il saluto tra Doval e Posey (da San Francisco Giants Official Twitter Account).