RIMINI FIRMA LO SWEEP CONTRO BOLOGNA E SI LAUREA CAMPIONE D'ITALIA

Scritto da Daniele Mattioli  | 
Il Rimini ha subito utlizzato il primo match-point a disposizione e si è laureato campione d'Italia in virtù dello sweep realizzato contro la Fortitudo Bologna. I Pirati si sono infatti aggiudicati anche la quarta gara delle Italian Baseball Series con il punteggio di 7-0, al termine di un match deciso soltanto nelle battute finali dopo che l'UnipolSai aveva sprecato molto, soprattutto sulle basi. Al settimo inning Rimini ha segnato 6 volte creando il solco decisivo per la conquista del titolo che mancava nella bacheca dei Pirati dal lontano 2006.

Sul monte di lancio c'è la sfida tra Candelario e Rivero. Bologna pare un poco più attivo delle partite precedenti e, con Infante, batte la prima valida sull'esterno destro, ma viene poi “intrappolato” fra terza e casa ed è eliminato.
Stessa situazione iniziale per il Rimini, con un doppio di Olmedo, ma niente altro per aiutarlo a concretizzare.


Alla seconda ripresa, doppio di Rodriguez che raggiunge, poi, la terza per una palla mancata. Su singolo di Vaglio, Olmedo prende a mano nuda ed elimina Rodriguez, in corsa verso casa base per il primo punto.

Al terzo inning Grimaudo batte valido sulla terza e arriva in seconda per un lancio pazzo di Candelario. Infante rimane al piatto. Ambrosino batte su Zileri che lo elimina senza bisogno di aiuti, Grimaudo arriva in terza. Liverziani viene colpito da un insolitamente impreciso Candelario. Con gli uomini agli angoli va in battuta Suarez. Bertagnon cerca più volte di richiamare alla calma il suo lanciatore e ci riesce, tanto da mettere al piatto il battitore avversario. Il Bologna chiude lasciando due uomini in base. Il Rimini viene bloccato da Rivero e il risultato non si sblocca.

Al quarto inning Bologna restituisce il favore della velocità di eliminazione e, con sei soli lanci, Candelario risolve la pratica. Olmedo viene omaggiato di una base su ball da Rivero, ma viene colto fuori base con una eliminazione 1-3-4. Rivero manda in base anche Mazzanti, ma poi una battuta di Zileri su Vaglio procura il terzo out.

Il quinto inning vola via veloce e, a parte una valida di Bertagnon che, però, si fa trovare fuori base e viene eliminato con assistenza 2-3 e due strikeout consecutivi di Rivero non lascia nessun ricordo particolare.


Al sesto attacco Bologna arriva a toccare la prima con una bizzarra valida che batte sul monte di lancio, da parte di Suarez, ma Rodriguez annulla tutto con l'ultima eliminazione, una volata sull'esterno destro. Rimini viene liquidato con velocità da Rivero e dagli interni del Bologna.

Al settimo inning il centinaio di lanci tirati da Candelario comincia a pesare e Vaglio ottiene una base per ball. Sambucci sbaglia il bunt ed è out al volo. Olmedo pasticcia sulla palla ricevuta da Bertagnon per l'eliminazione di Vaglio nel tentativo del giocatore di rubare la seconda. Vaglio però torna indietro e viene eliminato in prima.

Al cambio campo il Rimini segna i punti che varranno la vittoria. Romero colpisce valido sull'esterno destro. Mazzanti rimedia una base su ball. Zileri batte un bunt vincente sulla terza. Bertagnon batte singolo a sinistra e Romero segna un punto. Cova sostituisce Rivero e affronta Spinelli che trova singolo a sinistra e porta a casa Mazzanti (2-0). Babini in prima per scelta difesa, dopo che Zileri, in corsa verso casa base, viene eliminato con assistenza 5-2. Di Fabio batte un singolo e porta a punto Bertagnon. Desimoni rimane poi al piatto. Cova, con un balk, fa avanzare tutti gli uomini sulle basi, compreso, ovviamente, Spinelli che si trovava in terza e che, così, segna un altro punto. Sul 4 a 0, brutto errore di Sambucci che sbaglia clamorosamente la presa sulla battuta di Olmedo ed entrano altri due punti. Esce Cova, espulso poi per proteste. Sale Cadoni che concede una base su ball a Romero e poi viene sostituito immediatamente da Marinez. Il primo uomo affrontato è Mazzanti che batte sull'esterno destro un pop per una facile eliminazione al volo. E' il terzo out e finisce un inning disastroso per il Bologna e vittorioso per il Rimini.

All'ottavo scende Candelario con un ruolino che conta 8 strike out, 2 basi su ball, 4 valide concesse e sale Moreno sul monte per il Rimini. Grimaudo è out al volo dall'esterno sinistro, Infante dall'interbase e Ambrosino dal seconda base. Il Rimini, non ancora sazio di gioco, porta Zileri in prima base con una valida sulla terza, Bertagnon eiminato. Spinelli e Babini rimangono sulle basi grazie alla cattiva prestazione difensiva bolognese. C'è ancora l'occasione per segnare il settimo punto, che entra grazie a Zileri. Di Fabio e Desimoni finiscono poi eliminati al volo.

Si arriva al nono inning con Liverziani contro Moreno. Il lanciatore vince lasciandolo al piatto. Suarez batte valido e Rodriguez offre una linea a Mazzanti che non si lascia sfuggire l'occasione per eliminarlo. L'ultimo out che chiude partita e campionato arriva con un pop di Vaglio raccolto al volo sempre dallo stesso Mazzanti. Rimini è così campione e può festeggiare il titolo.

di Cristina Pivirotto


Nella foto, la gioia del Rimini (Lorenzo Bellocchio - Grandeslam.net).