I MARINERS SPRECANO L'IMPOSSIBILE, GLI ANGELS SONO PIÙ CINICI E INGUAIANO SEATTLE NELLA LOTTA PLAY-OFF

La squadra allenata dal manager Servais non sfrutta due ghiotte occasioni sul finale di partita e perde terreno nella lotta per la conquista della Wild Card dell'American League.

Scritto da Daniele Mattioli  | 

In una delle partite più importanti degli ultimi 15 anni, non è bastato l'urlo dei 44.169 tifosi del T-Mobile Park per spingere i Seattle Mariners verso la vittoria e quel sogno chiamato Play Off

Grazie a un doppio da due punti colpito da Brandon Marsh nel secondo inning, i Los Angeles Angels si sono imposti infatti per 2-1 e hanno inguaiato la formazione del manager Servais che, in base ai risultati della notte, non è più artefice del proprio destino. 

Nella lotta per i due posti disponibili per la conquista della Wild Card dell'American League, i Boston Red Sox, vittoriosi sui Washington Nationals, hanno ridotto ad una partita il distacco dai New York Yankees, sconfitti dai Tampa Bay Rays. 

Al momento i Red Sox hanno, a loro volta, una gara di vantaggio proprio sui Seattle Mariners e sui Toronto Blue Jays, che nella notte hanno battuto i Baltimore Orioles. Con due partite rimaste da giocare, Seattle dovrà cercare di vincere ambedue le sfide, sperando in un eventuale passo falso di chi la precede in classifica.

La partita per i Mariners era comunque iniziata nel migliore dei modi: con Abraham Toro in prima base, la stellina Jarred Kelenic aveva colpito un gran doppio a destra, sbloccando subito il risultato al primo inning.

Dopo aver incassato i punti del 2-1 nella ripresa successiva, l'attacco dei padroni di casa era stato silenziato dall'ottima prova del pitcher avversario Josè Suarez. Con l'ingresso dei rilievi, però, Seattle aveva avuto due ghiotte occasioni per riportarsi avanti, senza però essere in grado di sfruttarle.

Al settimo inning, con Luis Torrens in terza (triplo), Toro in prima (base per ball) e zero eliminati, nessuno dei compagni aveva spinto a casa il punto del pareggio. La stessa cosa si era ripetuta poi nell'ultimo disperato assalto. Kyle Seager aveva aperto l'attacco con un doppio, ma il closer Raisel Iglesias non aveva tremato, ottenendo la salvezza numero 34 della sua ottima stagione.

di Daniele Mattioli ([email protected])

Nella foto, la gioia di Iglesias dopo l'ultimo out (da Angels Official Instagram Page).