L'AMERICAN LEAGUE VINCE GARA E FATTORE CAMPO ALLE WORLD SERIES

È l'American League ad aggiudicarsi l'All Star Game 2016 con il punteggio di 4 a 2. Con questo risultato l’American League avrà il fattore campo, quindi l’eventuale gara 7, a proprio favore alle prossime World Series.

Parte forte la National League che già alla prima ripresa passa in vantaggio con il solo-shot di Bryant. Mentre l'allenatore dell'American League Yost decide di cambiare il proprio lanciatore ogni inning, il manager della National Collins fa rimanere sul monte Cueto anche nella seconda ripresa, scelta che si rivela sbagliata.

Infatti, nel secondo attacco del team guidato da Yost, prima Hosmer pareggia la partita con un fuoricampo a basi vuote, poi Betts batte un singolo ed infine Perez manda la pallina sugli spalti per il momentaneo 3 a 1. Durante la terza ripresa torna a muoversi il risultato con il solito Hosmer autore di un RBI single che porta il punteggio sul 4 a 1.

Al cambio campo la National prova ad accorciare, Posey guadagna una base ball, Rizzo batte un singolo che spinge in terza il ricevitore dei Giants ed infine sul singolo di Ozuna il n.28 di San Francisco segna il 2 a 4, risultato che non cambia fino al nono inning, con la perfetta chiusura di Britton che ottiene l’ennesima salvezza di una grande stagione.

La vittoria della partita è stata assegnata a Kluber, mentre l'MVP se lo è aggiudicato il prima base dei Royals, Hosmer, autore di 2 valide su 3 turni, con 1 HR e 2 RBI.

Al terzo inning vi è stata la standing ovation per l'ultimo All Star Game di David ''Big Papi'' Ortiz, sostituito dopo aver guadagnato una base ball al secondo turno in battuta.

di Mirco Monda


Nella foto, la gioia di Perez dopo il fuoricampo (da USAToday.com).